LE BASI DI UN'IDEA

L’App per smartphone Wink nasce da un’idea della Dott.ssa Anna Poggianella, optometrista di Ostuni, in provincia di Brindisi, maturata a valle dei propri studi e della propria esperienza clinica. 


L’optometrista, attraverso i propri studi sulla correlazione tra alcuni disturbi visivi e l’uso di sistemi operativi e videoterminali, ha verificato la veridicità del legame tra svogliatezza dei bambini nel proseguire a lungo tempo l’attività didattica e l’affaticamento oculare dovuto a lunghe esposizioni a video terminali.


L’estensione di tale relazione (svogliatezza e distrazione - affaticamento e secchezza oculare – lunga esposizione a video terminali) agli adulti permetterebbe, da un lato di spiegare i declini nella performance legata allo studio ed alla didattica così come al rendimento lavorativo, e d’altra parte permetterebbe di implementare buone prassi tese al miglioramento delle performance attraverso il defaticamento oculare soprattutto per soggetti che utilizzano frequentemente tablet o videoterminali.


Infine bisogna tenere conto che tutti hanno problemi di affaticamento oculare, dai più piccoli agli adulti, e peggiora a parità di ore passate dinanzi a uno schermo. Se poi si soffre di disturbi specifici sarebbe il caso di consultare il proprio oculista perché chi ha alterazioni alla vista sarà anche più soggetto a fastidi maggiori.

LA NASCITA DI UN'IDEA: Wink

Durante l’uso di un tablet, di uno smartphone o di un videoterminale, la media di 22 battiti delle palpebre al minuto si abbassa drasticamente portando alla secchezza oculare meccanica, ovvero la rottura del film lacrimale, legato allo sbarramento palpebrale.

La lubrificazione dell’occhio è un processo naturale in grado di produrre un miglioramento della qualità visiva abbassando il livello di stanchezza oculare e migliorando la sensazione di comfort anche per chi indossa le lenti a contatto. L’apertura e la chiusura delle palpebre attiva la pompa lacrimale la quale, attraverso la contrazione e l’espansione del sacco lacrimale, permette il processo di lubrificazione dell’occhio.

Wink è l’applicazione che aiuta a mantenere una naturale e corretta lubrificazione oculare, dunque un minore affaticamento visivo e quindi migliori performance al lavoro o nello studio. Wink migliora l’efficacia dei colliri e fornisce diverse opzioni per le modalità di esercizio degli occhi: esercizi a occhi chiusi, a occhi aperti, apertura e chiusura delle palpebre, rotazione degli occhi, sia sull’asse longitudinale che su quello trasversale.

Wink, attraverso l’impostazione degli avvisi (reminder), aiuta gli utenti a ricordare quando eseguire esercizi finalizzati a migliorare l’attività muscolare, l’umettatura oculare e la messa a fuoco delle immagini.


SCARICA L'APP

Vai su Google Play o sull'App Store per scaricare l'applicazione gratuita "Wink - Remember to close your eyes" per le piattaforme smartphone più comuni ed utilizzate quali Android 5.0 e iOS 8: una volta installata sul tuo device, l'applicazione ti avviserà con un alert di interrompere ogni 20/30 minuti la navigazione, suggerendo, con un messaggio sulla home, di fare alcuni esercizi quali l’ammiccamento e la ginnastica oculare, al fine di defaticare gli occhi.

Soffri di stress visivo e affaticamento oculare? Contatta la Dott.ssa Poggianella per una consulenza!

Torna su